Unità Cinofila

Il Gruppo Protezione Civile Filottrano intende portare a conoscenza della popolazione che oltre ai vari interventi in emergenza, iniziative di carattere sociale ed esercitazioni per addestramento che il Ns. gruppo si è pregiato di ottenere una importante specializzazione e cioè l’ottenimento del brevetto (E.N.C.I.) di ricerca della squadra Cinofila da Soccorso.
Occorre pertanto spendere qualche parola per descrivere tale “SQUADRA” che è composta da 4 Unità cinofile (Shira, Brad, Umir e Laila) con i rispettivi conduttori (Lidovino, Fabrizio, Paolo e Andrea) e alcuni volontari cosiddetti “figuranti” che, con dispendio di pazienza, impegno ed lungo addestramento, hanno permesso l’ottenimento del brevetto nazionale.
Si può dire, metaforicamente parlando, che l’unità cinofila è un binomio a 6 zampe, due cervelli e un naso. Il cane ed il conduttore lavorano in simbiosi, durante la ricerca parlano la stessa lingua, mirano allo stesso obbiettivo che è quello del ritrovamento di una persona dispersa che non chiederà mai la certificazione del pedigree ma, sentendo abbaiare il cane penserà sicuramente “I SOCCORSI STANNO ARRIVANDO”.
L’unità cinofila ha avuto modo di operare in situazioni reali in quanto chiamati direttamente dal Dipartimento della Protezione Civile Regionale per la ricerca di persone disperse; interventi ai quali non abbiamo voluto dare l’evidenzia mediatica in quanto i valori che contraddistinguono il nostro gruppo, come altruismo, sacrificio, impegno e determinazione a portare a termine obbiettivi di spessore sociale, non sono apparenza ma sostanza.
Esercitazione e addestramento sono sempre parole chiave per far crescere il gruppo infatti anche di recente e chiamati sempre dal Dipartimento Regionale, alcuni Ns. volontari hanno partecipato ad una esercitazione a livello europeo denominata TEREX 2010 svoltasi in Toscana dal 25 al 28 Novembre u.s.. In emergenza, testare il livello di organizzazione, capacitarsi delle forze presenti in campo, entrare nei meccanismi logistici univoci e parlare la stessa lingua con paesi come Russia, Polonia, Francia, Austria e…. stato di notevole interesse e proficua esperienza.
Pur nelle difficoltà correnti non ci stancheremo mai di sensibilizzare la popolazione sui comportamenti da adottare in caso di calamità e/o emergenze, mediante corsi a livello scolastico, esercitazioni pubbliche o auto addestramento.
Ogni nuovo volontario che si aggrega non deve pensare che occorre mettersi di nuovo sui libri per imparare a svolgere servizi ma deve essere mosso dal solo spirito di altruismo e dedizione a spendere qualche ora del suo tempo al servizio del prossimo.